L'Istituto storico italiano per il medio evo rimarrà chiuso nei giorni 24 e 31 dicembre
Immagine non disponibile

Fama e publica vox nel Medioevo

Anno: 2011

ISBN: 978-88-89190-86-9

Numero Collana: 21

Atti del convegno di studio svoltosi in occasione della XXI edizione del Premio internazionale Ascoli Piceno (Ascoli Piceno, Palazzo dei Capitani, 3-5 dicembre 2009), a cura di I. Lori Sanfilippo – A. Rigon, 271 pp., ill
Prezzo 25,50 Aggiungi al carrello

La fama e il suo contrario, l’infamia, hanno avuto grande importanza nel mondo medievale;.determinavano infatti l’inclusione o l’esclusione dalla compagine sociale, davano lustro o ignominia a città, raggruppamenti sociali, singole persone. Ma da che cosa traevano origine? dalla voce, dai giudizi di altri uomini e potevano venir diffuse da letterati, da artisti, da predicatori. Potevano essere improvvisamente cancellate o enormemente dilatate: la calunnia, si sa, è un venticello che può ingrandirsi e diventare una tempesta. Il tema trattato in questo libro, che contiene le relazioni del convegno indetto nel 2009 dall’Istituto Superiore di studi medievali di Ascoli Piceno è del tutto innovativo ed originale. Storici, giuristi, economisti, ma anche letterati e storici dell’arte e della musica lo esaminano, ciascuno dal suo punto di vista e il risultato finale è un quadro variegato della società nei secoli tardo medievali e delle tecniche di comunicazione, da essa messe in atto.