Immagine non disponibile

I registri di lettere della curia spirituale aquileiese del notaio Enrico Praytenrewter (1398-1405, 1412-1417)

Con un'appendice di atti processuali e di atti di curia.

Pietro D'Orlando e Nicola Ryssov

Anno: 2020

ISBN: 978-88-87948-49-3

Numero Collana: 24

In due tomi per complessive 1520 pagine (782+738)
Prezzo 54,40 Aggiungi al carrello

Si presenta l’edizione dell’ampio materiale documentario prodotto, lungo due e più lustri, dal
chierico notaio Enrico (Heinrich) Praytenrewter da Diebersried (Baviera). Il corpo principale
consiste di cinque quaterni cedularum (più un’appendice): registri di lettere, di vari contenuto e
forma, spedite dalla curia in spiritualibus dei patriarchi aquileiesi tra il 1397 e il 1417, per un totale
di 778 documenti registrati e qui trascritti nella loro interezza. Nelle appendici è collocato del
materiale più discontinuo ma non meno interessante: fascicoli di atti giudiziari, ordinati, alcuni, per
processi, altri, per giorni di attività della curia. Di questa porzione si offrono dettagliati regesti.
Questo complesso fa luce, con rara completezza, sull’attività della curia in spiritualibus, cioè di
quel nocciolo di funzionari patriarcali raggruppati attorno al vicario (o ai vicari) cui i presuli
demandavano la routine del governo della diocesi e della provincia aquileiesi, a cavallo fra Tre e
Quattrocento. Ne risalta il ruolo rivestito dallo stesso Praytenrewter, membro fidato ed esperto
dell’entourage del patriarca Antonio Caetani (e del potente vicario Giacomo de’ Giscardi) che
seppe farsi strada in un’istituzione centrale del Patriarcato quale il capitolo della collegiata di Santa
Maria di Cividale del Friuli, rivestendovi posizioni solide nonostante l’inquieto momento religioso
e politico attraversato dalla chiesa aquileiese sullo scorcio del Trecento.