L'Istituto ritiene opportuno continuare l'apertura di uffici e biblioteca, fino alla chiusura estiva, con i seguenti orari: lunedì-mercoledì-venerdì, 9:00-15:30, su prenotazione. L'Istituto rimarrà chiuso dal 2 al 31 agosto.
Immagine non disponibile

Il protocollo e i registri di Eusebio da Romagnano Notaio patriarcale (1319-1320, 1328-1332, 1334-1335)

Sebastiano Blancato

Anno: 2020

ISBN: 978-88-87948-50-9

Numero Collana: 25

pp. 600
Prezzo 28,90 Aggiungi al carrello

Il volume raccoglie la produzione documentaria superstite, in tre registri, di Eusebio da Romagnano
che nel 1318, negli anni della piena maturità, giunse nel Patriarcato e qui morì ad Aquileia, nel
1337. Già publicus notarius dal 1297 a Novara, al titolo di canonico del Battistero di Parma,
aggiunse ben presto quello di pievano di Bela Cerkev, in Carniola, e in seguito anche la prebenda di
canonico di Aquileia. Qui, negli anni di patriarcato di Pagano della Torre, la carriera di Eusebio
ebbe modo di manifestarsi grazie al suo status clericale e alla formazione notarile e cancelleresca.
Come dimostrano i suoi registri – uno dei quali il notaio stesso definì con precisione «protocollum
sive breviarium instrumentorum et aliarum scripturarum publicarum» – Eusebio fu uomo di curia
perfettamente consapevole della rilevanza del ruolo da lui rivestito pur nella diversità delle funzioni
svolte di notaio giudiziario, nonché di scriba e notaio personale del patriarca Pagano (e dei suoi
vicari).