Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Fondi

Al fine di un riordinamento e inventariazione della documentazione che tenesse conto della normativa internazionale (ISAD-G, ISAAR-CPF) e delle più aggiornate metodologie archivistiche, l’Istituto ha aderito nel 1997 alla rete Archivi del Novecento, un progetto archivistico promosso dal BAICR Sistema Cultura finalizzato all’individuazione, descrizione e valorizzazione delle fonti per la storia italiana del Novecento. I dati provenienti dal lavoro di descrizione archivistica svolto dagli Istituti aderenti alla rete vengono riversati in un’unica banca dati archivistica consultabile on line nel sito www.archividelnovecento.it. A partire dal 2016 il progetto è stato preso in carico dalla Soprintendenza archivistica per il Lazio che ha prodotto una nuova banca dati disponibile on line, sul sito Lazio900.
Gli inventari dell’archivio storico sono consultabili anche sul portale che presenta la base dati del progetto “Per una rete degli archivi della Giunta centrale per gli studi storici e degli istituti storici nazionali”. Il progetto ha ottenuto un cofinanziamento della Banca d’Italia.

Il patrimonio documentario comprende:

Fondo istituzionale, 1883-2020, bb. 285 ca. (Normativa e storia istituzionale, Organi di governo e Membri, Amministrazione, Personale, Scuola storica nazionale, poi Scuola nazionale di studi medioevali, Biblioteca, Pubblicazioni, Attività scientifica, Registri di protocollo, Relazioni con altri enti) – in corso di riordinamento e inventariazione;

Fondo Associazione dei medioevalisti italiani, 1971-1984, b. 1;

Fondo Comité International des sciences historiques, 1931-1978, bb. 4 (Corrispondenza generale, Commissione per la revisione delle liste cronologiche, Commissione Internazionale per la bibliografia degli Archivi Vaticani, Commissione Internazionale per le abbreviazioni bibliografiche, Commissione per le pubblicazioni, Commissione per la diplomatica);

Fondo Elio Conti 1949-1986, bb. 5 (Corrispondenza con diversiCorrispondenza con entiComitato per la pubblicazione delle opere di Gaetano SalveminiFascicoli diversiMateriale fotografico), 17 scatole contenenti 7500 fotografie ca.

Fondo Vittorio Fiorini 1894-1926, bb. 14 (Corrispondenza con lo stabilimenti tipo-litografico Scipione LapiCorrispondenza con i collaboratoriMateriali editoriali, Registri delle spedizioni), 27 volumi a stampa;

Fondo Raffaello Morghen 1916-1983, bb. 47 (Corrispondenza, Attività istituzionale, Attività scientifica, Documentazione bio-bibliografica, Eco della stampa, Cartoline postali), 1 scatola;

Fondo Clara Gennaro, 1966-1972, bb. 2 (AnnonaMarc’Antonio Altieri); 

Fondo Eugenio Dupré Theseider, 1915-1971, bb. 4 (CorrispondenzaTrascrizioni di lettereMateriale di lavoroMateriale di lavoro di altri studiosiFotografie e Microfilms), 9 schedari, 8 microfilms;

Fondo Girolamo Arnaldi, [1929]-2017, bb. 28 (Corrispondenza, Attività scientifica, Diari personali, Carte personali, Fotografie);

Fondo Julius Beloch, 1891-1929, bb. 18 – in corso di inventariazione;

Fondo Salvatore Tramontana*, 1956-2015, bb. 2 (Corrispondenza suddivisa per anno, fascc. 55);

Fondo Massimo Miglio*, 1965-2017, bb. 15 (Corrispondenza, Attività istituzionale e scientifica, Agende, Miscellanea).

Fondo Isa Lori Sanfilippo*

Carte Egmont Lee*, 1970-2015, fascc. 4 (Personal and Career, Canadian Academic Centre in Italy, Storia familiare e Fotografie).

* I fondi Salvatore Tramontana, Massimo Miglio, Isa Lori Sanfilippo, Girolamo Arnaldi, nonché le carte Egmont Lee, sono parzialmente consultabili (Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42).