Skip to content Skip to footer
-15%

I registri processuali di Alberghetto Vandoli da Bologna, notaio patriarcale (1303-1307)

21,25

pp. 383+8 figure colori

125 disponibili

COD: 978-88-87948-46-2 Categoria: Product ID: 5455

Descrizione

Il volume contiene l’edizione di due registri cartacei che riportanto vari atti processuali redatti dal notaio patriarcale Alberghetto Vandoli da Bologna nell’arco di tempo compreso tra il 1303 e il 1307, sotto il patriarcato di Ottobono dei Razzi. I Vandoli, di origine bolognese, furono una famiglia di notai che si stanziò a Udine e gravitò nell’ambiente della curia patriarcale. Alberghetto fu rappresentante importante di quel notariato allogeno che ebbe un impatto sulla documentazione friulana tra Duecento e Trecento. Verosimilmente chierico, fu attivo come notaio del patriarca assieme ad altri colleghi, in particolare Meglioranza da Thiene. I rapporti di collaborazione d’ufficio con quest’ultimo è dimostrato sia da vari atti conservati sia dai registri dello stesso Alberghetto, che riportano rimandi espliciti a scritture di Meglioranza e contengono alcune sue cedole cartacee. Nei registri processuali, oltre ad alcune indicazioni sulla prassi di lavoro dei notai attivi all’interno della curia patriarcale, emergono i contatti con personaggi notevoli sia del mondo ecclesiastico sia di quello mercantile del Friuli. Sono largamente attestati nella documentazione i toscani e i lombardi trapiantati in Friuli e impegnati in affari lucrosi e nel prestito di denaro. Con i Soldanieri, in particolare, Alberghetto intrattenne probabilmente un legame di vera e propria fiducia. La natura degli atti rende i registri di Alberghetto quanto mai preziosi per analizzare non solo la prassi quotidiana della giustizia patriarcale ma anche l’esercizio della professione notarile. Nonostante i consistenti danni riportati dai registri a causa dell’umidità, l’edizione critica tenta di restituire il testo degli atti nella forma più completa possibile.